VIAGRA GENERICO (sildenafil citrate)

€0.63Info >>

CIALIS GENERICO (tadalafil)

€0.83Info >>

LEVITRA GENEICO (vardenafil)

€1.69Info >>



Iperplasia prostatica benigna

Iperplasia prostatica benigna

La prostata ingrossata benigna è caratterizzata da una prostata ingrossata. Una grande prostata comprime l'uretra mentre fa pressione sulla vescica, con conseguente frequente bisogno di urinare e vari problemi di minzione, a seconda dei casi (flusso inferiore e intermittente, dolore, ecc.).

Quasi tutti gli uomini sono inclini a ingrossare la prostata mentre invecchiano. In effetti, oltre il 50% degli uomini di età pari o superiore a 60 anni ne è affetto e il 90% di quelli oltre gli 80 anni. Tuttavia, non tutti soffrono: circa 1 su 2 uomini colpiti sono infastiditi dai sintomi urinari.

Questa condizione non è di origine cancerosa. Non aumenta il rischio di cancro alla prostata, ma non ne impedisce nemmeno lo sviluppo.

Questa condizione è anche chiamata "iperplasia prostatica benigna". L'iperplasia si riferisce alla proliferazione delle cellule della prostata. Il termine allargato, d'altra parte, si riferisce all'allargamento della prostata.

Le cause

Le cause dell'iperplasia prostatica benigna non sono chiaramente identificate. Probabilmente esiste una predisposizione ereditaria perché alcune famiglie sono più colpite di altre. Tuttavia, altri fattori entrano in gioco. Ad esempio, sappiamo che il testosterone e il suo derivato attivo, il diidrotestosterone, svolgono un ruolo importante. Inoltre, possono essere coinvolti estrogeni, ormoni sessuali femminili presenti in piccole quantità nell'uomo. Per il momento, i meccanismi esatti con cui agiscono sono sconosciuti. È possibile che con l'età la ghiandola prostatica diventi più sensibile a questi ormoni.

Prostata

La ghiandola prostatica, una ghiandola genitale delle dimensioni e della forma di una castagna, si trova sotto la vescica (vedi diagramma sopra). Circonda l'uretra, il canale attraverso il quale passano urina e seme. Situata al crocevia del tratto urinario e genitale, la prostata secerne nutrienti e sperma fluidificabile. Il peso della prostata aumenta tra la nascita e la pubertà per stabilizzarsi verso l'età adulta; raggiunge quindi da 15 ga 20 g. A partire dagli anni Quaranta, il volume della prostata tende ad aumentare e continua a crescere con l'età. La prostata può raggiungere 7 volte la sua dimensione iniziale.

Conseguenze e possibili complicanze

Gli uomini con iperplasia prostatica benigna hanno maggiori probabilità di sperimentare una delle seguenti condizioni. Tuttavia, la maggior parte di loro non ne soffre.

  • Infezioni del tratto urinario: una vescica che non si svuota promuove completamente la proliferazione dei batteri. Se si verificano ripetutamente infezioni del tratto urinario, si può prendere in considerazione un intervento chirurgico per ridurre le dimensioni della prostata e sbloccare il tratto urinario;
  • Ritenzione acuta di urina nella vescica: quando l'uretra è completamente compressa, diventa impossibile urinare; che provoca dolore acuto. È un'emergenza medica. Un catetere viene inserito nell'uretra per svuotare la vescica;
  • Calcoli nella vescica: possono verificarsi depositi di minerali e causare infezioni, irritare la parete della vescica e ostruire l'evacuazione delle urine;
  • Una distensione delle pareti della vescica: l'allargamento benigno della prostata può accelerare l'invecchiamento della parete della vescica; col tempo perde tono e le sue contrazioni sono meno efficaci. La vescica può riacquistare tono dopo un intervento chirurgico di riduzione della prostata;
  • Danno renale: la ritenzione cronica di una certa quantità di urina nella vescica e le ripetute infezioni del tratto urinario possono compromettere la funzionalità renale a lungo termine.

Diagnostico

È importante consultare un medico in caso di sintomi. Ciò riduce il rischio di gravi complicanze. Tuttavia, tenere presente che non esiste sempre una relazione tra i sintomi riscontrati e le dimensioni della prostata. In effetti, alcuni uomini hanno una prostata grande senza sintomi, mentre altri hanno una prostata più piccola.

Con un esame rettale digitale, il medico può rilevare una prostata ingrossata e monitorarne lo sviluppo. Questo test viene anche utilizzato per rilevare la presenza di noduli nella prostata e per valutare il rischio di cancro. È possibile eseguire un'analisi delle urine e un esame del sangue per misurare il livello di antigene specifico della prostata (PSA), a seconda dei casi.

Sintomi di iperplasia prostatica benigna

Desidera urinare sempre più frequentemente (prima di notte, poi durante il giorno);

Debolezza del flusso di urina;

Uno sforzo per avviare il primo flusso di urina;

Intermittenza del getto (a scatti);

"ritardare le gocce";

Una sensazione di non svuotare completamente la vescica;

Minzione dolorosa;

La presenza di sangue nelle urine;

A volte un calo di forza all'eiaculazione.

Persone a rischio e fattori di rischio per l'ipertrofia

Persone a rischio

Uomini di età pari o superiore a 50 anni;

Storia familiare: gli uomini con un parente stretto che soffrivano di iperplasia prostatica benigna sono più a rischio;

Origini etniche. Questa malattia è rara negli asiatici e più comune nei caucasici e nei neri.

Fattori di rischio

Si sospetta che alcuni fattori aumentino il rischio di iperplasia prostatica benigna, ma nessuno è stato ancora stabilito ufficialmente.

- Si accumula l'evidenza scientifica che l'inattività fisica contribuisce all'iperplasia prostatica benigna. I ricercatori hanno infatti notato che gli uomini fisicamente attivi sono meno colpiti;

- Alcuni esperti ritengono che l'obesità e il diabete siano altri fattori di rischio3, così come il fumo, l'ipertensione, il colesterolo alto e una dieta dannosa per il sistema vascolare1,3. Ma queste sono ancora ipotesi;

- È possibile che gli uomini maturi che scelgono di assumere un trattamento ormonale con testosterone per contrastare i loro sintomi di andropausa (perdita di appetito sessuale, erezioni meno vigorose, mancanza di energia, ecc.) Ad aumentato rischio di iperplasia prostatica benigna a lungo termine. l'uso di questo tipo di ormone è ancora troppo recente per sapere se effettivamente accade.

Prevenzione dell'iperplasia prostatica benigna

Misure per prevenire il peggioramento dei sintomi

Gli uomini con prostata ingrossata benigna possono ancora cercare di impedire che peggiori con i seguenti mezzi:

  • Prenditi il tempo di svuotare la vescica il più possibile ad ogni minzione. Alcuni uomini trovano più facile farlo stando seduti che in piedi;
  • Andare a urinare senza aspettare troppo a lungo quando si avverte un bisogno urgente, in modo da non distendere troppo la vescica. È normale che le voglie urgenti siano più frequenti durante le stagioni fredde;
  • Pianifica i tempi durante il giorno per andare a urinare: ogni 4 ore, ad esempio. Questo può aiutare a ridurre il numero di urgenze urgenti, quando sono frequenti;
  • Continuare a idratare bene, ma ridurre l'assunzione di acqua e bere 1 o 2 ore prima di un lungo viaggio in auto, prima di coricarsi e prima di una situazione in cui si anticipa lo stress;
  • Riduci il consumo di alcol e caffè. L'alcol aumenta il volume delle urine e riduce la sensazione di voler urinare. Il caffè, da parte sua, provoca un leggero gonfiore della ghiandola prostatica, che può rendere più congestionato il tratto urinario;
  • Rimanere attivo: l'attività fisica riduce la ritenzione di urina nella vescica;
  • L'assunzione di farmaci diuretici, decongestionanti o antistaminici (per il trattamento delle allergie) può aumentare i sintomi. Le persone che lo assumono devono parlare con il proprio medico (non è consigliabile interrompere la terapia senza consultare un medico).

Trattamenti medici per iperplasia prostatica benigna

Sintomi lievi e stabili possono essere osservati solo con monitoraggio clinico al momento dell'esame medico annuale.

Farmaco

Alphablockers. Gli alfabloccanti contribuiscono al rilassamento delle fibre muscolari lisce della prostata e del collo vescicale. Lo svuotamento della vescica ad ogni minzione è quindi migliore, il che riduce i frequenti impulsi di urinare. La famiglia dei bloccanti alfa comprende tamsulosina (Flomax®), terazosina (Hytrin®), doxazosina (Cardura®) e alfuzosina (Xatral®). Il loro livello di efficacia è comparabile. I benefici si avvertono rapidamente, dopo 1 o 2 giorni di trattamento. Alcuni di questi farmaci erano originariamente usati per trattare l'ipertensione, ma la tamsulosina e l'alfuzosina trattano specificamente l'iperplasia prostatica benigna.

Alcuni di questi farmaci possono causare vertigini, affaticamento o bassa pressione. La bassa pressione può anche verificarsi se gli alfa-bloccanti vengono usati contemporaneamente ai farmaci per la disfunzione erettile (sildenafil, vardenafil o tadalafil). Ne parli con il suo dottore.

Inibitori della 5-alfa-reduttasi. Questi tipi di farmaci, tra cui la finasteride (Proscar®) e la dutasteride (Avodart®) ne fanno parte, riducendo la produzione di diidrotestosterone. La 5-alfa-reduttasi è un ormone che converte il testosterone nel suo metabolita attivo, il diidrotestosterone. La massima efficacia del trattamento si osserva da 3 a 6 mesi dopo l'inizio del trattamento. C'è una diminuzione del volume della prostata di circa il 25-30%. Questi farmaci causano disfunzione erettile in circa il 4% degli uomini che li assumono. Sempre più spesso vengono utilizzati insieme ai bloccanti alfa.

Nota. La finasteride riduce significativamente il rischio di sviluppare il cancro alla prostata, secondo un ampio studio condotto nel 2003 (la prova di prevenzione del cancro alla prostata).

Paradossalmente, in questo studio, i ricercatori hanno notato un'associazione tra l'assunzione di finasteride e il rilevamento leggermente più frequente di una forma grave di cancro alla prostata.

L'ipotesi che la finasteride aumenti il rischio di cancro alla prostata grave è stata da allora confutata. Ora è noto che il rilevamento di questa forma di cancro è stato facilitato dal fatto che il volume della prostata era diminuito. Una prostata più piccola aiuta a rilevare i tumori.

Importante. Assicurarsi che il medico che interpreta l'esame del sangue dell'antigene prostatico specifico (PSA) sia a conoscenza del trattamento con finasteride, che abbassa il livello di PSA. Per saperne di più su questo test di screening, consultare la nostra scheda informativa sul cancro alla prostata.

Terapia di combinazione. Il trattamento prevede l'assunzione di un alfa-bloccante e un inibitore della 5-alfa reduttasi contemporaneamente. La combinazione dei due tipi di farmaci sarebbe più efficace di una di esse nel rallentare la progressione della malattia e migliorarne i sintomi.

Iperplasia prostatica benigna - L'opinione del nostro medico

Come parte del suo approccio alla qualità, Passeportsanté.net ti invita a scoprire l'opinione di un professionista della salute. Il dottor Jacques Allard, medico di medicina generale, ti dà la sua opinione sull'ipertrofia prostatica benigna:

    L'iperplasia prostatica benigna è una malattia molto comune. Se hai sintomi urinari (difficoltà ad iniziare la minzione, riduzione del flusso di urina, minzione frequente, necessità di urinare di notte, ecc.), Ti consiglio di consultare il medico per ottenere una diagnosi e escludere altre possibili cause di questi sintomi , come il cancro alla prostata.
    Come suggerisce il nome, l'iperplasia prostatica benigna non è una malattia grave. Tuttavia, può essere abbastanza scomodo. La necessità di trattare dipende solo dalla gravità dei sintomi e da come influenzano la qualità della vita. In generale, il trattamento farmacologico sarà sufficiente. Quando è necessario, la chirurgia rimane una buona opzione.

    Dott. Jacques Allard, M.D., FCMFC